Cronaca

64 anni fa 120mila fedeli arrivarano ad Ascoli

Gimigliano - Il 18 aprile l'Anniversario delle apparizioni della Madonna


18 aprile 2012 20:00

Aveva 13 anni Anita Federici quando vide la Madonna su uno spuntone di roccia, poco fuori dal piccolo agglomerato di case di Gimigliano, frazione di Venarotta. Si parlò di suggestione, di giochi di luce del sole sulla pietra, di semplice fenomeno atmosferico. In pochi possono raccontarlo. Ma le apparizioni – vere o presunte che siano – andarono avanti per 25 giorni, portando oltre 120mila pellegrini a Gimigliano.
Fedeli provenienti da ogni parte del mondo, dall’ America Latina all’ Europa, visitarono e pregarono dinanzi allo spuntone di roccia, come testimoniano anche queste foto d’epoca. La Curia raccolse 564 testimonianze giurate e nello stesso anno anche Padre Pio incontrò e riconobbe, inspiegabilmente, Anita nella folla di Fedeli. Con lei parlò per venti minuti. Il responso del Santo di Pietralcina fu che le visioni erano reali. Oggi Gimigliano, che per molti doveva trasformarsi in una novella Lourdes, è un nugolo di case, molte delle quali disabitate ed altre diroccate, ma conserva un fascino meraviglioso. Nel luogo dell’apparizione è stata eretta una chiesa aperta a qualunque ora del giorno e visitabile dai fedeli. Anita ormai vive in gran segreto a Cremona, mentre in paese resta Filomena convinta sostenitrice delle apparizioni della Santa Vergine. Ad ascoltare Filomena, a fine funzione, sono tanti fedeli che assieme ascoltano la parola della Santa Madre. Sono passate 64 primavere dalle visioni di Anita e Radio Maria i prossimi 12 e 13 maggio sarà a Gimigliano per trasmettere, attraverso il noto mariologo Sergio Gaspari, la messa e raccontare la storia di questo antico borgo delle montagne picene.


TAGS: gimigliano anita federici apparizioni 64 anni fa madonna visioni filomena feriozzi emidio america la
 
 

di Gloria Caioni, Fonte: Tvp Italia

Letta 896 volte
Commenti alla notizia
Non sono ancora presenti commenti. Vuoi essere il primo a scriverne uno ?
Per inserire un commento devi effettuare il login. Se non sei registrato, effettua prima la registrazione

Inserisci le credenziali di accesso

 
 

Non sei registrato? Clicca qui
Hai dimenticato la password ?